News

 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.

 
Login


:


Choose your language:
deutsch english español français italiano português

Comunicato Stampa, a seguito del servizio pubblicato dal quotidiano "Il Tirreno" in data 31 gennaio 2009

news.png

Il Comitato contro l’inceneritore Lucart replica alle dichiarazioni rilasciate al quotidiano il Tirreno in data 31/01/09 da alcuni abitanti del territorio favorevoli o possibilisti riguardo al progetto dell’inceneritore.

Si soprassiede alle dichiarazioni dello psicologo Picchi, il quale testualmente dichiara “mi fido di questa azienda” (la Lucart n.d.r.), perché sulla fede non si discute. Ci stupisce che non suggerisca di avviare direttamente l’incenerimento sulla parola, senza nessuna indagine preliminare.

Per quanto riguarda la mancanza di informazione ai cittadini, vogliamo ricordare che venerdì scorso, proprio a Diecimo, si è tenuta l’ennesima affollatissima riunione dell’inchiesta pubblica, promossa dalla Provincia, dove esperti di fama nazionale hanno dato ulteriori e approfondite spiegazioni e chiarimenti, laddove richiesti dai cittadini, su tutta la problematica dell’incenerimento.

Infine vorremmo (ma non possiamo per dovere morale e amore per la verità) stendere un velo pietoso sulle dichiarazioni del farmacista Sodini, contraddittorie e superficiali, quasi imbarazzanti: (leggi tutto)



Sodini dichiara che “La salute deve essere messa al primo posto”,  ma poi si abbandona a sproloqui a favore dell’incenerimento con motivazioni inconsistenti, frutto indubbiamente di una sua scarsa conoscenza delle problematiche per la salute umana connesse all’incenerimento dei rifiuti...e che rifiuti!
Gli suggeriamo di studiarsi con attenzione le 435 ricerche scientifiche che provano la grande pericolosità degli inceneritori. In particolare quella della FAO e quella dell’Istituto Statale di Sorveglianza Sanitaria Francese dal quale si evince che “nelle popolazioni che vivono in prossimità di impianti di incenerimento dei rifiuti è stato riscontrato un aumento dei casi di cancro dal 6 al 20 per cento”.

Quanto al suo accostamento tra l’inquinamento prodotto dal traffico e quello da inceneritori, gli ricordiamo che dai documenti ufficiali della Commissione Europea emerge con chiarezza che in Italia gli impianti di incenerimento producono il 64% delle diossine totali mentre il traffico stradale ne produce solo l’1,1%. Le diossine, come certo saprà il Sodini, sono tra gli inquinanti più persistenti e a maggiore potenziale cancerogeno.

Per quanto riguarda gli inceneritori “modello”, tra cui quello di Vienna citato da Sodini, riteniamo doveroso informarlo che a Vienna i vini prodotti nelle colline circostanti hanno perso il loro marchio D.O.P., a Pietrasanta sono stati registrati numerosi sforamenti di diossina e altri pericolosi inquinanti e sono in corso indagini della magistratura su numerose falsificazioni di dati, a Brescia l’inceneritore “sta inquinando l’intera Lombardia. A Brescia non c’è un solo allevamento di bovini che sia senza diossina”, come dichiarato, in base a dati raccolti, dal primo ricercatore del Cnr di Roma, Ennio Italico Noviello.

E per concludere vogliamo sfatare la leggenda che gli inceneritori portino conseguenze positive a livello economico: i danni alle piccole e medie imprese che operano sul nostro territorio nel settore turistico, agrituristico, agricolo ed edilizio sarebbero incalcolabili.
L'economia della Valle non è solo Lucart, anche se importante.
Invece i danni da inceneritore per la salute sono oggi dettagliatamente calcolabili con un algoritmo fornito dall’UE, che ad esempio stima in 1.480.000 euro la perdita economica per danni alla salute causata ogni anno da un inceneritore come quello di Brescia.

Grande preoccupazione dovrebbero suscitare in ogni persona di buon senso i dati recentissimi sull’incidenza di cancro nell’infanzia in Italia pubblicati dall’AIRTUM (Associazione Italiana Registro Tumori) Rapporto 2008. Il cambiamento percentuale annuo risulta più alto che in Europa e negli Stati Uniti per tutti i tumori infantili; addirittura per i linfomi l’incremento è del 4,6% annuo a fronte di un incremento in Europa di solo lo 0,9%.

Pubblicato Lunedi 02 Febbraio 2009 - 11:34 (letto 1124 volte)
Comment Commenti? Print Stampa



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Grave lutto nella MediaValle. Ho appena avuto notizia della morte del caro amico Emilio Tampucci, persona che per decenni lottato per un ambiente migliore e piu sano, per la salvaguardia della salute dei cittadini. Il suo costante impegno, la sua scrupolosità nel affrontare le problematiche sono state un punto di forza dei vari Comitati della Valle del Serchio. Ci mancherai Emilio. Sentite condoglianze alla famiglia. Comitato Ambiente Diecimo (01/02/2018 - 15:12) letto 231 volte
Read Il 22 gennaio 2018 a Fornaci di Barga presso cinema Puccini ore 21.15 serata con Prof. A.Biggeri ,Prof. P. Connet. Rossano Ercolini: Non Bruciamo il Futuro. Partecipate numerosi. (30/12/2017 - 15:52) letto 251 volte
Read DIOSSINE 2008 FEDERICO VALERIO (09/12/2017 - 11:36) letto 229 volte
Read A Fornaci di Barga è nato un nuovo movimento per l'ambiente: La Libellula, con il proposito di coinvolgere tutti gli altri movimenti e comitati della Media Valle del Serchio-Garfagnana a tutela della salute dei cittadini e dell'ambiente. (22/10/2017 - 13:48) letto 260 volte
Read Bagni di Lucca: Convegno Nazionale per l'Economia Sostenibile (29/10/2012 - 14:48) letto 1628 volte
Read In memoria del Dott. Michelangiolo Bolognini (25/08/2012 - 13:54) letto 1665 volte
Read Qualcosa si muove a Pescaglia (11/06/2012 - 11:03) letto 1736 volte
Read Centrali a biomasse anche nel Comune di Barga? (24/10/2011 - 07:59) letto 1930 volte
Read Comunicato Stampa: diritto di replica... (16/10/2011 - 17:44) letto 1820 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
news.png