News

 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.

 
Login


:


Lingua del sito:
deutsch english español français italiano português


Ricorso al TAR Toscana - Legambiente Onlus e cittadini

Argomento: news
Pubblicato Sabato 01 Gennaio 2011 - 15:50 (letto 1476 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa

REPORT - Il caso ALCE di Fornoli

Argomento: news
Pubblicato Mercoledi 03 Novembre 2010 - 11:03 (letto 1568 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa

Consiglio comunale aperto a Borgo a Mozzano

Argomento: news

Borgo a Mozzano: Consiglio comunale

Convocazione per Martedì 19 ottobre, ore 21, Palazzo Comunale
Ordine del Giorno: Realizzazione impianto a biomasse presso lo stabilimento Alce di Fornoli – discussione sullo stato di avanzamento del progetto.

Discussione aperta alla cittadinanza

Pubblicato Mercoledi 13 Ottobre 2010 - 09:07 (letto 1343 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa

In memoria di Anna Marcucci

Argomento: news

Il Comitato Ambiente di Diecimo e Valdottavo, ovvero tutti i suoi membri e simpatizzanti disseminati su tutto il territorio del comune di Borgo a Mozzano,
PIANGE la prematura scomparsa di Anna Marcucci, compagna di tutte le battaglie sostenute contro le lobby politico-affaristiche che stanno devastando l'ambiente in cui viviamo e che calpestano impunemente quello che, sancito anche dalla Costituzione, è e deve restare un diritto inalienabile di ogni individuo: ovvero il diritto alla "salute" ed alla Vita. Ricordiamo Anna per la sua estrema coerenza nel difendere tali principi, che altri invece dovrebbero tutelare ma ahimè spesso dimenticano, sia in buona che in cattiva fede, ritenendo che il cosiddetto progresso valga pure qualche vittima disseminata sull'asfalto del Dio PROFITTO.

Cara Anna credici, forse la Tua lotta non sarà stata vana, la sensibilità di noi tutti verso i Tuoi Ideali sta consolidandosi ed in un prossimo futuro godremo i frutti di quello che è stato il Tuo ed il nostro impegno.

Ciao Anna, arrivederci.

Comitato Ambiente Diecimo-Valdottavo

Pubblicato Martedi 14 Settembre 2010 - 11:23 (letto 1238 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa

In morte del fratello Nicola

Argomento: news

Colpiti ed esterrefatti dalla notizia,
il Comitato Ambiente di Diecimo e Valdottavo intende con queste povere righe ricordare la figura di Nicola, amico e compagno di tante battaglie per il nostro Ambiente che, anche se a volte con sfumature diverse, hanno sempre trovato un COMUNE PUNTO DI UNIONE, in concreto tesi entrambi verso uno sviluppo sostenibile capace di rendere la Vita degna di essere vissuta.

Ce lo vorremmo ricordare sempre così, sanguigno ma sincero e coerente.

Ciao Nicola, siamo sicuri di ritrovarti prima o poi per rendere più sicuro e vivibile anche il Paradiso.

Comitato Ambiente Diecimo-Valdottavo

Pubblicato Lunedi 06 Settembre 2010 - 09:53 (letto 1208 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa

Tutto sull'imbroglio della combustione delle biomasse

Argomento: news

E' in rete il sito "tutto sull'imbroglio delle centrali a biomasse".
Singoli attivisti e associazioni impegnate su questo argomento stanno inserendovi informazioni utili a chi si trovi per la prima volta di fronte a questo tipo di problema sul proprio territorio: work in progress...

Pubblicato Lunedi 30 Agosto 2010 - 10:53 (letto 1688 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa

Impianto autorizzato dove vige un divieto

Argomento: news

articolo apparso sul quotidiano "Il Tirreno", giovedì 29 luglio 2010:


 BAGNI DI LUCCA. Legambiente torna all’attacco sull’impianto a biomasse che Alce vuole realizzare nell’ex cartiera. Si contesta la collocazione in cui verrebbe a trovarsi la centrale: sopra un acquifero da cui, spiega l’associazione, si approvvigiona la Media Valle. Sussiste, secondo gli ambientalisti, un rischio inquinamento. Per questo hanno fatto richiesta ufficiale alla Provincia di chiarire perché è stato autorizzato un impianto a biomasse in un luogo in cui il piano territoriale di coordinamento (Ptc), redatto dalla stessa amministrazione, vieta la costruzione di centrali termoelettriche.
 Si fa riferimento all’articolo 27 del Ptc, che prende in esame le aree a elevata vulnerabilità, intrinseca o potenziale. In queste aree, spiega il Ptc, «non è ammissibile il nuovo impianto di centrali termoelettriche». Per voce del suo presidente provinciale Michele Urbano, Legambiete chiede di conoscere «le misure di salvaguardia e/o autotutela che la Provincia intende adottare per rispettare le esplicite prescrizioni del Ptc a tutela della fragilità del succitato acquifero, ovvero per perseguire gli obiettivi dichiarati nel nuovo piano di gestione delle acque del Serchio».
 La richiesta di informazioni è stata inviata per conoscenza anche all’Autorità di Bacino, professor Raffaello Nardi. Il quale conferma le previsioni del Ptc. «Nel piano di gestione che abbiamo fatto, per legge dobbiamo riprendere i corpi idrici dalla Regione, che a sua volta li prende dalla Provincia», dice Nardi. In sostanza, la Provincia potrebbe contraddirsi, vietando e poi autorizzando lo stesso progetto.

Pubblicato Sabato 31 Luglio 2010 - 12:19 (letto 1209 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa

Bocciato il ricorso di Cartiera Lucchese

Argomento: news

articolo apparso sul quotidiano "Il Tirreno", giovedì 29 luglio 2010, a firma Luca Meconi:


BORGO A MOZZANO. Il Tar della Toscana ha respinto i ricorsi di Cartiera lucchese contro il Comune di Borgo a Mozzano in relazione all’impianto a biomasse che l’azienda voleva costruire a Diecimo. Secondo il sindaco Francesco Poggi, le motivazioni di questa sentenza possono riguardare anche l’impianto che l’Alce vuole costruire a Fornoli.
 Dice infatti Poggi: «Con sentenza depositata il 15 luglio il Tar della Toscana ha respinto, come infondati, i ricorsi della Cartiera Lucchese contro il piano strutturale (2007) e il regolamento urbanistico comunale (2008). L’azienda è anche condannata al pagamento delle spese processuali a favore del Comune (4mila euro). Questo risultato riconosce il lavoro che l’amministrazione ha fatto nella stesura dello strumento urbanistico». Il Tar riconosce che il Comune ha favorito «l’interesse alla tutela dell’ambiente rispetto agli altri interessi». Non solo. Il passaggio più significativo è nel riconoscimento che tale scelta rientra nella discrezionalità del Comune e non può essere sindacato dal giudice amministrativo. Il tribunale dice anche di più: le amministrazioni non solo possono ma devono salvaguardare la salute dei cittadini; il peggioramento della situazione ambientale dell’intera area è evidente (dati alla mano); è notoria la pericolosità dell’inquinante Pm10 e l’effetto moltiplicatore nella produzione del Pm10 con il potenziamento e/o costruzione di nuovi stabilimenti e/o impianti è altrettanto fatto notorio. Termina il Tar rimarcando la correttezza amministrativa del Comune, che ha messo in atto misure per evitare un incremento dell’inquinante e abbatterne i valori.
 «Alla luce di questa sentenza - dice Poggi - anche la vicenda Alce andrebbe riesaminata. A maggior ragione adesso, fase in cui l’azienda chiede, a un mese dall’autorizzazione rilasciata dalla Provincia, modifiche per incrementare potenza e consumo e in generale di alleggerire controlli, tempi di rilevamento e comunicazioni agli enti preposti. Si chiede di rimuovere il limite massimo di 150mila tonnellate annue nell’impiego di biomasse. Ancora un dubbio: nella prima autorizzazione viene specificato che il gestore della linea elettrica non possa essere diverso da Alce. Ora l’azienda propone che venga indicato che il gestore sia lo stesso della centrale a biomasse: perché, cosa significa? Forse perché può cambiare a breve proprio il gestore della centrale? Chi sarà il gestore? Il Comune di Borgo a Mozzano vorrebbe essere coinvolto anche visto l’accordo del 2003 tra ministero dell’Ambiente, Provincia e Comuni di Bagni e Borgo. La nuova conferenza dei servizi non prevede la presenza del Comune di Borgo: chiederemo un incontro urgente con azienda e Provincia».

Pubblicato Sabato 31 Luglio 2010 - 12:16 (letto 1123 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa

Incontro Pubblico a Gallicano

Argomento: news

FUMO NEGLI OCCHI

A seguito delle autorizzazioni concesse per la realizzazione delle centrali a biomasse legnose di Gallicano (18.000 ton/anno) e di Fornoli (ALCE) (150.000 ton/anno) i comitati della Valle del Serchio organizzano un incontro informativo su ambiente, salute e prospettive per il nostro territorio

GALLICANO
Venerdì 2 luglio alle ore 21
presso la “SALA  GUAZZELLI”

Interverranno:

Dott. Michelangiolo Bologninini, Medico Igienista – ISDE Italia (Medici per l’Ambiente)

Dott. Ernesto Burgio, Pediatra, Coordinatore Nazionale del Comitato Tecnico Scientifico di  ISDE –Italia (Medici per l’Ambiente)

Abbiamo invitato il sindaco e tutti gli amministratori dei comuni di Gallicano, Bagni di Lucca, Barga, Borgo a Mozzano, Castelnuovo, Coreglia Antelminelli, Fabbriche di Vallico, Molazzana e Vergemoli; i Responsabili dell’UO Epidemiologia e del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda USL 2 Lucca; i Presidenti delle Comunità Montane di Garfagnana e Media Valle; l’Assessore all’Ambiente della Provincia di Lucca; il Presidente della Commissione Sanità in Regione Toscana; i Consiglieri regionali del nostro territorio

INVITIAMO TUTTI I CITTADINI

Comitato Ambiente e Salute di Gallicano - Comitato Ambiente di Diecimo e Valdottavo - Comitato Ambiente e Salute di Bagni di Lucca e Borgo a Mozzano - Non Bruciamoci la Garfagnana - Comitato SOS Alpi Apuane - Comitato Salute e Ambiente di Barga e Coreglia

volantino di convocazione

E' stata aperta una sottoscrizione popolare per effettuare ricorso al TAR contro l'inceneritore a biomasse di Fornoli. Per chi volesse effettuare un bonifico (di qualunque entità), di seguito le coordinate bancarie:
Cassa Risparmio di Lucca agenzia di Borgo a Mozzano
Codice IBAN:  IT 77Y 06200 70110 000 000 270134
Beneficiario:  Comitato per la tutela del territorio della Valle del Serchio

Pubblicato Venerdi 25 Giugno 2010 - 08:54 (letto 1369 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa